“Vivaldi aimait les défis. Simone Toni en raffole. Guettons le dernier volume de l’intégrale annoncée. Le hautbois vivaldien a trouvée son maître.”

Roger-Claude Travers (Diapason)

Vivaldi’s late and particularly rich Oboe Concertos in amazing performances, Simone Toni playing an ‘Angelo di avorio’ (Angel of ivory), an oboe entirely made from one piece of ivory. Toni is a great virtuoso and a fine musician as well. Hence, this Vivaldi is not only energetic, but also opulent, colorful and sensitive. Magnificent!

Remy Franck (Pizzicato)

"Eine himmlisch schöne cd, die sicher auch den Engeln auf ihren wolken gefallen wird"

(WDR 3 TonArt)

In Toni si nota la volontà coraggiosa di individuare un repertorio e uno strumento che a lui risultino perfettamente congeniali e che poi diventino il tramite di esperienze alchemiche, di viaggi astrali.

S. Hastings (Rivista MUSICA)

Este disco es una joya. Por la Mùsica, porque Toni es un magnifico oboista y porque Silete Venti! suena maravillosamente bien

(Scherzo: disco Exepcional luglio agosto 2014)

Chi lo conosce come strumento agreste e pastorale non ha sentito i vortici, le tempeste vivaldiane scatenate dal gruppo Silete Venti!. Fra loro il mirabile solista Simone Toni canta, saetta, implora, salta con il suo oboe eburneo. La fantasia di Vivaldi deflagra: umori contrastanti, colori cangianti, progressioni indiavolate, adagi struggenti.”

G.Gavazzeni (Il Giornale)

"Mit seinem Angelo di Avorio zeigt uns Simone Toni, wie es klingt, wenn sich die Phantasie in den Augen der Wahrheit verirrt. Der Rote Priester Vivaldi hätte seine Freude daran gehabt."

W.Scherer (SWR2 Cluster)

I musicisti, bravissimi, godono della musica, è lampante. E chi ascolta non può fare altrimenti, una vera gioia per lo spirito e per gli occhi.

Fabio Rizzi (Circuito Musica)

“Una grande varietà di colori e di dinamiche, un suono ipersensibile, quasi fragile ma caldo, con languidezze e portamenti che ne accentuano il carattere espressivo e lo fanno assomigliare a una voce soprannaturale.”

Gianluigi Mattietti (Golem)

“Ecco un solista/direttore e un gruppo (italiano) con strumenti d’epoca che fanno suonare ancora originale Vivaldi”

Angelo Foletto (Repubblica)

“E tutti gli interpreti, Simone Toni e il suo gruppo, esaltano con consapevole conoscenza delle prassi storiche e con la massima intensità (ma senza squilibri), l’estro, la varia mobilità inventiva, che appartiene in modo peculiare alla fantasia di Vivaldi con esiti coinvolgenti.”

Paolo Petazzi (Classic Voice)

Il materiale animale dona all’“hotbois” un’anima più fragile e portatrice di grande tensione: c’è poi un che di sensuale in questa musica (e nelle scelte timbriche di Toni e dei suoi) che risulta particolarmente evocativo rispetto all’idea della Venezia in cui le musiche videro la (tenue) luce.

Carlo Fiore (Classic Voice)

Al fascino esercitato dalla timbrica particolarmente vibrante e luminosa dello strumento impiegato, unita a quella dell'intera formazione strumentale Silete Venti , si unisce una trascinante, irresistibile vitalita`, indicativa della gioia stessa del fare musica, una gioia che traspare ad ogni battuta delle singole creazioni presentate.

Claudio Bolzan (Musica, editore Zecchini)

Una finestra spalancata su un universo di colori, dinamiche, vibrazioni. Emozioni che si susseguono incessantemente trasportando l’ascoltatore in un vortice inebriante. Un piccolo gioiello destinato a rappresentare una chiave di volta nella storia dell’interpretazione vivaldiana”

(Magazine Classica di Sky)

Un viaggio meraviglioso, ricco di storie da raccontare e di suoni nuovi da udire.

Immancabile disco del mese G. Formenti (Cd Classico)

Susciterà polemiche ma il don Giovanni “di” Simone toni è già un capitolo della storia critica dell'esecuzione moderna del capolavoro di Mozart.Da oggi sarà imperdonabile, non aver ascoltato e soppesato questo Don Giovanni: amandolo o detestandolo, negandolo o scopiazzandolo. E, comunque, ricavandone un'impressione frastornante.

Angelo Foletto. Repubblica

..e poi la musica, la parola, l’uno aderente all’altro, l’uno a livello dell’altro quasi strumenti e voce fossero un unicum. Don Giovanni corre verso il suo destino senza pause e indecisioni. Una tensione estrema dove tutto è estremamente chiaro, senza mai una sillaba fuori posto. Un brivido insomma: di quelli che non capitano spesso.

Edoardo Tomaselli, Amadeus; disco del mese maggio 2018

Le don Giovanni di Simone Toni c'est un disque somptueux

Denis Grenier Continuo Ckrl

Ci sono dischi che entusiasmano, commuovono, mettono in questione tutte le valutazioni, le graduatorie e le classifiche che nella nostra testa ci siamo fatti a proposito di questa o quella interpretazione, di questo o quel capolavoro, ma mai una registrazione ha sconvolto gli universi musicali che da tanti anni ingombrano la mia memoria come questa del Don Giovanni di Mozart diretto da Simone Toni

Ferruccio Nuzzo, Grey panthers

There are 8 articles.

Il Messiah in San Marco a Milano

L’ensemble Silete venti! di Simone Toni ha presentato con successo in forma di concerto l’oratorio di Händel

Published in press review

Source Il Corriere Musicale · Date Mar 30, 2015

Un entusiasmo contagioso nel desiderio di far musica è alla base di tutta l’attività dell’ensemble Silete venti! fondato da Simone Toni una decina d’anni fa e dedicato in gran parte all’esecuzione del repertorio barocco secondo metodologie che tengono conto della...

Händel? Ormai è perduto, sentenziò il medico. Invece guarì, le tenebre si dissolsero. E nacque il prodigioso “Messiah”

di Giorgio Ferrari

Published in press review

Source Lo Spettacoliere · Date Mar 30, 2015

Resurrezione e redenzione. Per Georg Friedrich Händel quell’oratorio composto a tempo di record tra il 22 agosto e il 12 settembre 1741 e destinato alle celebrazioni della Settimana santa – l’unico del maestro sassone il cui libretto si avvaleva esclusivamente di testi...

The Messiah

Published in press review

Source Varese Cultura · Date Mar 20, 2015

Presentato da Milano Città dei Lumi e dalla Chiesa di San Marco in collaborazione con l’Associazione Piero Farulli e promosso da Sony Classical Italia con il patrocinio del Comune di Milano – Zona 1 e del Pontificio Consiglio della Cultura.
Il concerto The Messiah - A sacred...

La Musica Sacra invade le chiese

Published in press review

Source Famiglia Cristiana · Date Mar 25, 2015

«Dopo decenni di bassa marea, dobbiamo ritrovare la grande musica e riportarla nella nostra cattedrale, in una nuova alleanza con la Scala», sostiene monsignor Gian Antonio Borgonovo, arciprete del Duomo di Milano. Si comincia questa sera a Milano, con repliche a Pavia e Brescia. Ma...

Simone Toni e l'angelo di avorio

After the international succes of his last record for Sony Music - "VIvaldi and the Ivory Angel - Late Oboe Concertos" the Milanese oboist reveals us his dreams and projects (interview by Roberto Zecchini)

Published in press review

Source Musica · Date May 16, 2014

Simone Toni – oboista, direttore e fondatore dell’ensemble Silete Venti! – usa il suo «angelo di avorio» (copia di un pregiato strumento di Johannes Maria Anciuti) come una macchina del tempo, che gli permette di rivisitare quel Settecento per il quale prova...

La magia della «Passione ritrovata»

Giovanni Gavazzeni

Published in press review

Source il Giornale · Date Apr 18, 2014

The title of the “Rediscovered Passion” should seem a little bit strange to someone, considering that we are talking about the Passion by Saint John, one of the most admired masterpieces of the “great thaumaturge”, as called by Richard Wagner.

The rediscovering matter is...

Due per Bach le Passioni di Jais e Toni

Published in press review

Source La Repubblica · Date Apr 15, 2014

È doppia quest'anno la proposta della Passione secondo Giovanni di Bach, segno tangibile di una spiritualità assorta e meditativa che viaggia in sincronia con il clima della Settimana Santa. Già stasera i complessi della Verdi guidati da Ruben Jais rinnovano una bella...

A ciascuno la sua Passione

Strumenti d'epoca e messa in scena teatrale per Simone Toni

Published in press review

Source Corriere della Sera · Date Apr 16, 2014

«Sarà una Passione mai sentita prima, un ritorno alla forma originaria della partitura, ripulita dal tempo e da quella patina un po' ministeriale che trascrizioni ed esecuzioni le hanno via via cucito addosso. La musica suonerà in maniera più carnale e vitale...